8 Novembre 2021
Mazzè: “No al deposito di scorie nucleari” trenta agricoltori con i trattori al corteo

Coldiretti: «No all’utilizzo di terreno fertile. Scegliere aree industriali dismesse»

 

Tra le seicento persone che sabato scorso hanno partecipato a Mazzè alla manifestazione contro l’ipotesi di localizzare il deposito nazionale di scorie radioattive nel Canavese c’era anche una pattuglia di Coldiretti. La delegazione era guidata da Sergio Barone, vice presidente di Coldiretti Torino, alla presenza di: Ornella Cravero e Domenico Pistono, componenti il direttivo di Coldiretti Torino; Flavio Mondino, presidente di sezione di Mazzè; Giancarlo Chiesa, segretario Coldiretti della zona di Chivasso e Caluso. A chiudere il corteo trenta trattori, con tanto di bandiere gialle con pala verde.

Sergio Barone, vice presidente di Coldiretti Torino, afferma: «Coldiretti Torino è assolutamente contraria al posizionamento, in questa zona, del deposito unico nazionale di scorie radioattive, come ipotizzato da Sogin che ha inserito questo sito nella Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee. Non solo: deve esser chiaro che Coldiretti Torino è contraria a localizzare il deposito unico di scorie anche in qualsiasi altra area agricola del nostro Paese. Gli agricoltori ritengono che, in giro per l’Italia, ci siano tante aree industriali, abbandonate e dismesse, site più o meno vicino alle grandi città, che potrebbero servire benissimo allo scopo. Partiamo dal principio, come sostiene Sogin, che non c’è pericolo per nessuno. Di conseguenza, se non c’è rischio per l’agricoltura, non ci sarà nessun rischio neanche per le città».

«Sull’utilizzazione dei terreni agricoli per questa, come per altre opere infrastrutturali - aggiunge e chiude Sergio Barone - sentiamo pontificare, con degli incredibili bla bla bla, anche i politici di tutti i livelli, dai parlamentari fino a qualche amministratore locale. E, ogni tanto, sono tutti d’accordo a consumare sempre nuovo suolo agricolo. Coldiretti si oppone fermamente a questo tipo di scelte: basta consumare terreno fertile. Per questo chiediamo agli amministratori, a tutti i livelli, che hanno voce in capitolo su questa vicenda, di contrastare, in ogni modo, scelte che penalizzano sempre e solo l’agricoltura».

Flavio Mondino, presidente della sezione Coldiretti di Mazzé, afferma: «Noi agricoltori siamo presenti alla manifestazione, in forma massiccia, per dire il nostro no all’ipotesi di localizzare in zona il deposito nazionale di scorie radioattive, togliendoci il nostro bene più grande: la terra fertile dei campi delle nostre aziende agricole. Terra fertile che coltiviamo, producendo buon cibo per tutti, valorizzando il territorio e realizzando reddito per le nostre imprese. Oggi siamo qui con i nostri trattori per dire “No” alla localizzazione in questa zona del deposito di scorie nucleari. Diciamo “No” all’ipotesi di scempio che potrebbe riguardare 150 ettari di terra. Con tutta la nostra forza ci opporremo - oggi come domani - a questo progetto per scongiurare questo pericolo che incombe sul nostro territorio”.

Giancarlo Chiesa, segretario Coldiretti della zona di Chivasso e Caluso, aggiunge e chiude: «Non bisogna poi dimenticarsi della presenza delle produzioni agricole di particolare qualità e tipicità. Ci sono allevamenti di Frisona con produzione di latte alta qualità e bovini della pregiata razza piemontese. Il territorio produce il vino Erbaluce, una delle prime Doc italiane. Tutte produzioni agricole evidentemente poco compatibili con la localizzazione del deposito unico nazionale di scorie radioattive. Da ultimo, l’area di Caluso, Mazzè e Rondissone ha terreni sciolti, sabbiosi, con assenza di argilla, con falda idrica affiorante che potrebbe pregiudicare la durata delle fondazioni del deposito in calcestruzzo».

 

-103ColdirettiTorino2021

APP Campagna Amica
Progetto Info PAC

INFO PROGETTO PAC: Apri l'articolo    

Leggi tutti gli articoli

Leggi tutti gli articoli

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi