3 Marzo 2021
Piano Straordinario qualità dell’aria: queste sono le proposte della Coldiretti

Inviate al presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio

per scongiurare il blocco delle produzioni alimentari

 

«E’ imprescindibile una deroga per poter garantire le produzioni piemontesi fondamentali per la catena alimentare in una fase già così difficile dovuta all’emergenza sanitaria in atto ed anche per evitare danni economici ulteriori ed agevolare indirettamente le importazioni. Oltretutto, dalla Regione ci sono state fornite solo parziali informazioni che riguardavano, già in modo pesante, il comparto zootecnico, ma omettevano altre, altrettanto pesanti, disposizioni che, invece, hanno un impatto sull’intera agricoltura, e che sono state inserite nella delibera da cui si evince, peraltro, che le norme introdotte in Piemonte sono decisamente più restrittive rispetto a quelle definite o in fase di discussione nelle altre regioni del bacino padano». Questo evidenzia Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte, nella comunicazione inviata al presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, in previsione dell’incontro fissato con lo stesso governatore per affrontare la questione delle nuove misure straordinarie per la qualità dell’aria, stabilite a seguito della recente condanna inflitta dalla Corte di Giustizia europea all’Italia per aver superato il valore limite delle concentrazioni di particelle inquinanti.

“Stando alle stesse norme tecniche europee, stiamo presentando delle richieste di deroga su operazioni agronomiche ritenute dalla stessa Comunità Europea a bassissimo livello emissivo – è scritto nella missiva di Coldiretti -. Si tratta di attività che possono consentire la continuità agronomica estremamente utile anche nei confronti di tutta la cittadinanza. L’agricoltura non può essere costantemente penalizzata da normative che, per timori comprensibili, cadono nell’eccesso e generano di ogni erba un fascio. Sicuramente alle problematiche dell’inquinamento dell’aria partecipano molti fattori e le nostre proposte sono in linea con la nostra costante attenzione all’ambiente e tecnicamente sostenibili. Auspichiamo – concludono – che il Governo della Regione Piemonte voglia e sappia agire con il buon senso necessario per tutelare i cittadini senza eccessi, quanto mai inutili e pericolosi, in una situazione economico-sociale già compromessa e difficile”.

*

-13-ColdirettiTorino2021

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi